M5s di lotta (ma anche un po’ di governo)

È il giorno delle parole durissime di Mario Giarrusso, è il giorno del travaglio diAlessandro Furnari e Giuliana Labriola, che da tempo stanno meditando l’addio.

È però anche il giorno dell’istituzionalizzazione definitiva del Movimento 5 stelle. Anzi, l’elezione di Roberto Fico alla presidenza della Commissione di Vigilanza della Rai rappresenta un’ipertrofia nel turbolento e complicato processo di inserimento della pattuglia dei grillini all’interno del Palazzo. Un punto di arrivo, dopo mesi nei quali il profilo barricadiero e l’estraneità al grande gioco del Parlamento è stata la cifra dell’agire stellato. Ma anche un punto di partenza, che potrebbe far scaturire un cambio qualitativo della presenza a 5 stelle nelle stanze della politica.

Molti osservatori l’hanno sottolineato: di per sé, lo scranno più alto della Vigilanza non reca a chi vi si siede un surplus di potere in grado di cambiare gli equilibri dello scacchiere. Ma l’attenzione che da sempre catalizzano le vicende di Viale Mazzini rende quella posizione cruciale sia a livello politico, sia a livello mediatico. Sul controllo della televisione pubblica lo scontro è perpetuo. Una guerra combattuta giornalmente a bassa intensità, con picchi di deflagrazione improvvisi e violentissimi.

Continua sull’Huffingtonpost.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...