“Apriamo una trattativa con Renzi sulla legge elettorale, così massacriamo Alfano”

«Apriamo una trattativa con Renzi sulla legge elettorale, così massacriamo Alfano». Questo in sintesi il pensiero confidato alla war room di palazzo Grazioli da Silvio Berlusconi, deciso a sfruttare la mano tesa del nuovo segretario del Pd. E, come il leader democratico, il Cavaliere non ha un modello di riferimento in testa, ma un obiettivo: tornare al bipolarismo, subito. Con un corollario: non rendere determinante il Nuovo centrodestra.

Una strada che, da qualunque lato la si osservi, presenta incognite.

Perché con il Mattarellum Forza Italia potrebbe avere il bisogno di coalizzarsi subito con le truppe dell’ex delfino, trattando però sulle candidature da una posizione di forza. In caso di doppio turno, al contrario, Berlusconi potrebbe tentare la cavalcata in solitaria, vedendosi poi comunque costretto a scendere a Canossa al ballottaggio qualora la percentuale ottenuta dal vicepremier fosse determinante.

C’è poi l’ipotesi di un sistema spagnolo, ma non convince fino in fondo: potrebbe determinare comunque un parlamento tripolare. Senza contare che le liste bloccate (anche se in collegi molto piccoli) potrebbero avere tracce d’incostituzionalità. Tra le pieghe delle considerazioni degli strateghi azzurri ci sono due dati di fatto.

Continua su Europa.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...