Ed the Red

Ed the Red. Ed il rosso ha vinto la corsa in famiglia per assumere il timone del partito laburista inglese. Una quarantina d’anni lui, poco più di 45 il fratello. Il dato anagrafico offre un primo spunto di riflessione. A contendersi la leadeship del maggiore partito d’opposizione britannico sono due quarantenni, gente che negli anni della Thatcher portava ancora le braghette corte. Stessa generazione di quel David Cameron che, dopo una lunga parentesi trascorsa all’ombra del blairismo, ha riportato i tories a calcare i tappeti dei palazzi che contano.

Il pezzo continua su Terza Repubblica.


Del perché nella polemica che investe il Pd potrebbe esserci qualcosa di buono

“La spaccatura in atto nel maggiore partito di opposizione potrebbe dunque rivelarsi inaspettatamente feconda. Dopo mesi nei quali le linee di frattura interne sono corse lungo l’asse dei personalismi dei singoli dirigenti, un franco e alacre scontro su prospettive e contenuti potrebbe rivitalizzare un partito che fatica nel dettare l’agenda politica del Paese. E nel mentre, non è detto che una dialettica interna chiara e proficua, strutturata tramite correnti, da molti additate come uno spauracchio, non possa essere usata a proprio vantaggio”.

Il mio articolo su Terza Repubblica.